About Angelo Cannata

This author has not yet filled in any details.
So far Angelo Cannata has created 51 blog entries.

51 Spiritualità della sosta

Nel camminare umano, che suscita l’esperienza interiore che chiamo spiritualità umana, proprio in quanto si tratta di camminare umano, esiste anche la sosta come elemento necessario: non siamo macchine che possano procedere con una regolarità lineare. Procediamo piuttosto per diversi tipi di ritmi, peraltro non molto regolari. […]

50 Spiriti di DNA incancellabili

Ci sono alcune idee che, messe insieme, suggeriscono prospettive interessanti.

La prima idea è una critica dei concetti di complessità e di grandezza. Quando parliamo di complessità e di grandezza, siamo in realtà molto condizionati dal riferimento a noi stessi e alla nostra mente. Giudichiamo una cosa […]

49 La spiritualità come microuniverso

La chitarra è come un’orchestra a cui possiamo guardare dal lato opposto di un binocolo”: queste parole di Andrés Segovia offrono una categoria mentale molto utile per l’esperienza della spiritualità. La spiritualità umana, il bene, sperimentata primariamente nel silenzio, in relazione alla spiritualità universale, il male, può […]

48 La croce e la bellezza dell’amore

La forza e la debolezza delle religioni sta nel loro avere persone come riferimento: per esempio la persona di Gesù, oppure Dio stesso come persona. Queste persone, costrette a concentrare su di sé un mare di aspetti diversi, non possono evitare di risultare contraddittorie: sono allo stesso tempo […]

47 I paradossi dell’infinito e la spiritualità umana

Nel V secolo a.C. il filosofo Parmenide, morto nel 450, enunciò il principio di non contraddizione: “l’essere è, e non può non essere”, “il non essere non è, e non può essere”. Il suo contemporaneo Eraclito  (535-475 a.C.) richiamò invece l’attenzione sul fatto che tutto scorre, diviene, è […]

46 Spiritualità della carità

Negli ultimi post di questo blog hanno preso forma due linee di pensiero che adesso possiamo portare ad una sintesi fruttuosa. La prima linea, seguita nei post da 36 a 39, ha riguardato l’amore; la seconda, nei post da 41 a 45, ha riguardato il particolarismo dell’esserci. Ora […]

44 L’esserci e la pietà

Con il post 41 Spiritualità dell’esserci abbiamo iniziato a prendere in considerazione alcune profonde modifiche di mentalità, che conseguono se prendiamo sul serio la presentazione dell’essere come “esserci” da parte di Heidegger. Nell’ultimo post ho riflettuto sul fatto che considerarci determinati, come se tutti fossimo nient’altro […]

41 Spiritualità dell’esserci

Nel mio libro Camminare mi sono servito in diverse occasioni della parola “fisionomia”; essa corrisponde al “ci” dell’“esserci” di Heidegger e allo stile “narrativo”, oggi apprezzato come modalità per fare filosofia e teologia. Heidegger mostrò che l’essere non è astratto, ma è sempre un “esser-ci”, cioè un […]

40 Storia della parola spiritualità

La seguente storia della parola spiritualità è una sintesi dell’articolo di Walter Principe (1922-1996), Toward defining spirituality, apparso nella rivista Studies in Religion / Sciences Religieuses, numero 12, 2 (1983), alle pagine 127-141.

Alla base del termine latino spiritualitas stanno il sostantivo spiritus e l’aggettivo spiritualis. L’uso […]

39 Spiritualità, fiducia, fede

Nel post precedente su amore e giustizia ho osservato che, come esseri umani, troviamo naturale attribuire particolare importanza a certi modi di essere e di comportarsi; tra questi ho posto in evidenza, appunto, l’amore e la giustizia. Qui volgerò l’attenzione a un’altra di queste facoltà: si tratta […]

38 Spiritualità di amore e giustizia

Tra tutte le incertezze, i dubbi e le autocritiche in cui la filosofia di oggi ci conduce, una volta adottato un metodo che, piuttosto che per ragionamenti o affermazioni di verità, procede per narrazioni, esperienze ed umiltà, ci veniamo a riconoscere immersi in una verità di fondo; […]

37 Spiritualità e amore

Nel post precedente mi sono proposto di approfondire la ricerca sull’amore. Dai tempi in cui scrivevo Camminare ne ho elaborato un’idea basata sul crescere: amore significa crescere e far crescere. La trovo una definizione efficace, ma tiene troppo implicite le implicazioni emotive, affettive; è ovvio che […]

36 Faccia a faccia con l’amore

In un contesto esistenziale, le caratteristiche di un essere qualsiasi non sono tanto quelle risultanti da verifiche scientifiche, oggettive, quanto quelle percepite dallo spirito. Questa filosofia si trova meravigliosamente rappresentata in alcuni quadri di Salvador Dalì, che evidenziano la flessibilità del tempo: nell’esperienza umana un minuto può essere […]

34 Una sintesi

A questo punto del cammino trovo fruttuoso raccogliere diversi elementi sparsi negli articoli precedenti, esplicitarne alcune conseguenze e provare a formare una nuova sintesi.

Nell’articolo 12 La nostra percezione di essere io, concludevo dicendo che l’io può essere convenientemente considerato come un’esperienza spirituale; credo che si […]

33 Narrare, non sperare

Per chiarire la contrapposizione tra narrare e sperare, teniamo presente il contesto di spiritualità che man mano in questo blog ho inteso delineare: è ormai chiaro che la filosofia a cui faccio riferimento è relativismo, autocritica, antimetafisica, assenza di verità. Credo che nel mondo occidentale ci troviamo tuttora […]

32 Spiritualità come non violenza

Un’interpretazione interessante della spiritualità è vederla come non violenza. Per giungere a questa visione possiamo servirci di un’immagine efficace per affrontare il tema della sofferenza, che è quella della spina. La spina si presenta come un semplice oggetto, non come una persona responsabile, accusabile; un oggetto piccolo, ben […]

31 Spiritualità e filosofia

Spiritualità e filosofia hanno scopi diversi

Riguardo alla differenza tra spiritualità e filosofia, nel primo articolo del blog, 1 Perché interessarsi di spiritualità oggi, ho detto che a mio parere l’attenzione alla spiritualità oggi è uno sbocco del cammino filosofico orientato al pratico. Possiamo però osservare […]

30 Minacce alla spiritualità

L’esperienza di una spiritualità umana, nei termini in cui abbiamo tentato di descriverla finora, possiede una sua capacità di attrattiva presso colui che la vive e proprio per questo può essere sentita come soggetta a minacce.

Può avvenire che la persona che abbia deciso di coltivare questo […]

29 I linguaggi della spiritualità

I linguaggi della spiritualità testimoniano il loro periodo storico

Nella pagina iniziale del sito ho fatto riferimento alla distinzione tra spiritualità universale e spiritualità umana. Da un punto di vista di spiritualità universale, una volta che tutto è spiritualità, tutto è anche suo linguaggio; di conseguenza, […]

28 Paesaggi dello spirito

Per spiegare cosa intendo qui per paesaggi dello spirito, devo far riferimento all’esperienza dei paesaggi che normalmente si offrono ai nostri occhi.

A volte, ma si potrebbe dire anche quasi sempre, i paesaggi, gli ambienti, ci suscitano interiormente delle sensazioni particolari, che diremmo perfino strane.

Quanto […]

27 Presi dalla spiritualità

Presi dalla spiritualità trascurando l’essere per la morte

Per esprimere il concetto dell’essere presi dalla spiritualità mi è utile richiamare qualche ricordo.

Da ragazzino, quando studiavo, leggevo una pagina per la prima volta ed essa risultava prosastica, arida, ostica; la leggevo per la seconda volta e […]

26 Torino Spiritualità

Torino SpiritualitàTorino Spiritualità non significa ricerca teorica sulla spiritualità

Mi fa piacere sapere che esiste la manifestazione Torino Spiritualità e che anche quest’anno avrà la sua edizione, dal 28 settembre al 2 ottobre 2016. Ho provato a spulciare qua e […]

25 Spiritualità e controllo

La spiritualità dev’essere anche mancanza di controllo

Il cammino che abbiamo portato avanti finora ci ha permesso di guadagnare molte chiarezze, ma la spiritualità non può limitarsi alla mentalità disciplinare che abbiamo adottato finora, una mentalità di studio, controllo e ricerca accademica, pur con gli scarsi mezzi […]

24 Differenza tra psicologia e spiritualità

La psicologia è cura, la spiritualità è esperienza

La differenza tra psicologia e spiritualità può risultare a prima vista difficile da individuare, poiché entrambe si occupano dell’interiorità umana, dei suoi contenuti e delle sue dinamiche, o anche sono l’interiorità umana. Ci si può chiedere, per esempio: sentirsi […]

23 Differenza tra religione e spiritualità

Premessa

È ovvio che la differenza tra religione e spiritualità può essere compresa soltanto dopo aver acquisito delle idee distinte su cos’è la religione e cos’è la spiritualità. Tenendo conto di tutta la confusione, le false informazioni e i sedicenti maestri che circolano dovunque, aventi a che […]

20 Spiritualità intenzionale e passiva

Spiritualità umana significa spiritualità intenzionale

Nel significato di “spiritualità”, che abbiamo dato in prima pagina del sito, abbiamo fatto un generico riferimento alla “consapevolezza”, che qui approfondiremo meglio come esperienza di spiritualità intenzionale. Il lavoro di ricerca compiuto nel blog consente adesso una chiarificazione su cosa […]

18 La spiritualità e la pace

La spiritualità non garantisce pace

Come esseri umani siamo portati a distinguere il bene dal male e ciò porta con sé la tentazione di pensare che, se tutti nel mondo facessero come noi riteniamo meglio, il mondo sarebbe migliore, ci sarebbe la pace. Questa tentazione vale specificamente […]

17 Le pratiche per coltivare la spiritualità

La spiritualità non dipende da pratiche rituali

Quanto detto nell’articolo precedente ha delle conseguenze riguardo alle pratiche da preferire per un’esperienza spirituale coltivata in quanto tale: vengono a risultare come pratiche preferenziali il silenzio, la contemplazione, il raccoglimento, ma sempre con la precisazione che un equilibrio […]

16 Il silenzio e le esperienze spirituali

Il silenzio è la prima tra le esperienze spirituali

La brevissima definizione data sulla home page per indicare le esperienze spirituali, “qualsiasi esperienza interiore”, può essere esplicitata ed esemplificata nel modo seguente. Quando ascoltiamo, per esempio, un concerto, i suoni, attraverso le orecchie, arrivano fino […]

15 Spiritualità come esperienza debole

La spiritualità è debole

Per la spiritualità è più connaturato essere debole, essa non può e non deve essere “convincente”. Ho scritto “convincente” tra virgolette per sottolineare il senso originale, etimologico del termine; cioè, la spiritualità non afferma se stessa a forza di argomentazioni, sia perché non […]

14 Contaminazione tra il bene e il male

Contaminazione può significare arricchimento

La distinzione utilizzata nei precedenti articoli tra bene e male, equiparata a spiritualità umana e spiritualità universale, soggetto e oggetti, dubbio e metafisica, fornisce la base di comprensione per apprezzare ciò che possiamo chiamare contaminazione.

Una contrapposizione troppo rigida tra bene […]

13 La spiritualità come soggetto

La spiritualità come soggetto fa parte del nostro vissuto

Prendere in cosiderazione la spiritualità come soggetto significa tener presente la possibilità che essa pensi a noi, piuttosto che essere soltanto noi a pensare ad essa. Questo modo di concepirla ci permette di renderci conto meglio dei […]

12 La nostra percezione di essere io

Siamo degli io limitati

Una delle esperienze spirituali che ci è dato di vivere è la percezione di noi stessi come “io”, la sensazione cioè di trovarci come dentro una stanza in cui non ci è possibile far entrare alcun altro; questa stanza è il nostro […]

11 Il camminare umano e il male

Camminare è un tentativo di sperimentare il bene

Per una valutazione del camminare è utile partire dall’osservazione che il male dà luogo al problema della teodicea, cioè la questione di come possa esistere il male se Dio è buono; questo problema teologico demolisce il cristianesimo e […]

10 La spiritualità e il male

La spiritualità e il male non sono contrapposti

La spiritualità e il male non sono due cose del tutto diverse e contrapposte: con la spiritualità non ci può essere solo una semplice ed ingenua amicizia, poiché essa non è il bene in contrapposizione al male, non è […]

9 L’umanità e il male

Dialettica tra spiritualità umana e male

Una volta intrapresa la via ermeneutica della spiritualità, la ricerca andrà impostata in questi termini: per noi oggi, quali sensi della spiritualità può essere meglio esplorare, approfondire? Una linea di senso è indicata dal nome di tutto questo camminare: […]

8 Essere per la morte

Spiritualità ed essere per la morte

Essere per la morte è un’ermeneutica di Heidegger che in una spiritualità critica non può essere ignorata. Il discorso impostato sul crucipuzzle ci ha fornito una base per dare l’idea dei connotati strutturali in cui io considero la spiritualità, ma […]

7 Ermeneutica e spiritualità

L’ermeneutica è un metodo fruttuoso per la spiritualità

Come spiegato nell’articolo precedente, passiamo ad entrare meglio nella spiritualità da un punto di vista semantico, cioè dei suoi significati, in alternativa a quanto visto finora, cioè le sue strutture. A completamento di quanto detto, aggiungiamo che […]

6 Differenza tra strutture e significati

I significati sono megastrutture

Fin qui ho provato ad approfondire non tanto i significati, ma le strutture della spiritualità, specialmente attraverso il modello del crucipuzzle. A questo punto è opportuno rendersi conto che una visione solo strutturale non permetterebbe di sfruttarne tutte le potenzialità.

Un […]

5 Immanentismo, materialismo, antimetafisica

Spiritualità critica non è immanentismo, ma antimetafisica

Possiamo osservare che qualunque parola abbiamo cercato di individuare nel crucipuzzle si trova comunque in esso, non fuori di esso. Cioè, se io penso di vedere nel crucipuzzle la parola CASA, un altro potrebbe dirmi che la vedo io […]

4 Strutture della spiritualità – III

Il tutto e le sue parti nelle strutture della spiritualità

Completiamo questo tipo di analisi delle strutture della spiritualità considerando questo crucipuzzle piccolissimo:

P R O N T A M E N T E

Al suo interno è possibile individuare due parole: PRONTA e MENTE, […]

3 Strutture della spiritualità – II

Strutture della spiritualità dinamiche

Il modello strutturale di spiritualità esemplificato dal crucipuzzle, descritto nel post precedente Strutture della spiritualità – I, può essere approfondito e ampliato.

Immaginiamo che le lettere al suo interno non siano ferme, ma in movimento: si mescolano e rimescolano in […]

2 Strutture della spiritualità – I – Crucipuzzle

Una situazione torbida

Facciamo una breve premessa prima di addentrarci nella disamina del modello del crucipuzzle. In mancanza di criteri di definizione riguardo alle strutture della spiritualità, chi si arma di buona volontà per approfondirne lo studio si viene a trovare in una terra di conquista selvaggia, […]

1 Perché interessarsi di spiritualità oggi

Spiritualità oggi è lo sbocco di un cammino

Interessarsi di spiritualità oggi, farne pratica, oppure, al contrario, ignorarla, può avere motivi diversi per ognuno. Personalmente mi sembra di poter individuare nella spiritualità uno sbocco del cammino della cultura occidentale. Si può considerare che il maggiore tentativo di […]