annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

004 Strutture della spiritualità – III

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • 004 Strutture della spiritualità – III

    ← 003 Strutture della spiritualità – II005 Immanentismo, materialismo, antimetafisica →

    Il tutto e le sue parti nelle strutture della spiritualità

    Completiamo questo tipo di analisi delle strutture della spiritualità considerando questo crucipuzzle piccolissimo:
    P R O N T A M E N T E


    Al suo interno è possibile individuare due parole: PRONTA e MENTE, mentre ce n'è una terza che costituisce l'intero crucipuzzle: PRONTAMENTE. Voglio evidenziare che non c'è differenza tra l'intero crucipuzzle e le parole in esso contenute: il crucipuzzle non è altro che una lunga parola, eventualmente con le lettere disposte a forma di quadrato, al cui interno è possibile individuarne altre. Se trasferiamo questo concetto al fatto che il nostro cervello può essere considerato un crucipuzzle, significa che non c'è differenza tra il nostro cervello e le idee in esso contenute: il cervello non è altro che un'idea, una struttura più grossa, all'interno della quale è possibile individuare idee più piccole. È un insieme di neuroni, in una grande struttura, all'interno del quale è possibile individuare insiemi più piccoli di neuroni e strutture più piccole; ciò che cambia è solo la dimensione e la complessità. Si potrebbe anche dire che il cervello è costituito da tanti piccoli cervelli al suo interno.

    Avevamo detto che l'intero universo può essere considerato come un grande crucipuzzle, come un grande cervello; ne consegue che ogni oggetto dell'universo è considerabile a sua volta come un piccolo crucipuzzle o una piccola idea al suo interno. A questo punto è possibile dire che non c'è differenza tra idee e oggetti, poiché sia le idee che gli oggetti non sono altro che strutture che noi pensiamo di poter individuare. Una pietra si può considerare una struttura e sulla sua superficie può essere possibile individuare delle figure, come facciamo a volte anche con le nuvole; in questo caso quella pietra è come un cervello in cui vediamo ad occhio nudo la presenza casuale di un'idea.

    Dopo quanto abbiamo detto, non è difficile ammettere che non solo il cervello pensa, ma anche le idee pensano. Quindi non solo io penso le idee, ma succede anche che esse pensano me. Ovviamente lo fanno a modo loro, ma l'unica differenza tra il mio pensare l'idea e l'essere pensato da essa sta solo nel grado di complessità e nel tipo di strutture, come nella differenza tra il crucipuzzle e le parole che vi stanno dentro. Non è difficile così considerare che tutto può essere considerato idea, poiché tutto è fatto di strutture e qualsiasi struttura può essere considerata un'idea.




    Articoli correlati
    13 La spiritualità come soggetto

    Riassunto del video

    Facendo attenzione a non trasformare un'ermeneutica in un'ideologia, è possibile considerare ogni cosa come se fosse un'idea, si può provare con frutto a pensare che tutto è spiritualità.

  • #2
    L'utente Gasby1 mi aveva chiesto un chiarimento a proposito di quanto ho affermato nel video di questo post.

    Effettivamente, quando ho detto che, proprio a causa del rispetto (nel video a partire dal minuto 7:05), possono nascere problemi nelle relazioni con gli altri, ciò può suscitare perplessità: non dobbiamo forse avere rispetto delle persone? Dobbiamo concludere che il rispetto non sia un comportamento consigliabile?

    Il seguito di ciò che dico nel video aiuta a chiarire la questione: ho collegato la nascita del problema al fatto che ogni forma di rispetto implica pur sempre un'azione di propaganda, seppure non sempre voluta o consapevole. È il caso di spiegare meglio cos'è questa propaganda.

    Ogni essere, per il semplice fatto di offrire la sua parvenza, la sua sembianza, allo sguardo altrui, fa propaganda di sé. Uno scarafaggio, un leone, una pianta, che espongono sé stessi nel mondo della natura, fanno propaganda di sé, modificano la nostra percezione dell'ambiente già con la loro semplice presenza.

    Ciò può anche essere espresso dicendo che rispetto non significa soltanto rispetto degli altri: significa anche rispetto di sé stessi. L'ideale del rispetto è un ideale di convivenza: è bello sognare un mondo in cui tutti trovino spazio e modo di realizzare il proprio essere, la propria natura, il proprio vivere.

    Questo tipo di ideale, però, se sottoposto a riflessione approfondita, presta il fianco ad essere seriamente criticato. Ad esempio, se pensiamo a tanti modi di esprimere un ideale di ritorno romantico alla natura, non sarà difficile osservare che la natura è anche crudele, spietata, ingiusta; la natura non è innocente. Le cose non vanno molto meglio se contrapponiamo le capacità costruttive della civiltà umana: sappiamo costruire cose grandi e meravigliose, ma proprio esse sono facilmente trasformate in mezzi di oppressione: si pensi ad esempio a come la tecnologia si presta ad essere al servizio dell'oppressione economica o sociale.

    Ne consegue che una riflessione spirituale esistenziale, approfondita, non può fare a meno di dissacrare, smascherare, smentire, una fiducia ingenua nella natura, o nella pacifica convivenza sociale, o nel progresso umano, sia esso tecnologico, economico, politico, o di qualsiasi altro genere.

    Detto in sintesi, la natura non è capace di pace, non è capace di essere in pace con sé stessa.

    Questo ovviamente è un dramma radicale dell'esistenza. Di fronte a questo dramma io mi trovo personalmente influenzato dalla spiritualità con cui Gesù ha proposto la sua via. La via di Gesù è la croce, cioè l'arretrare di cui ho parlato nel video. In questo senso è facile dedurre anche che una seria ricerca di pace dovrà misurarsi anche con la necessità di essere contro natura, pur non sapendo in cosa debba consistere esattamente quest'alternativa. Possiamo anche pensare che la natura stessa, l'universo, siano da sempre in autocritica di sé stessi: sarebbe questo il procedere della storia e dell'evoluzione.

    Ecco l'inganno del rispettare: consiste nella tentazione di pensare che il rispetto sia capace di creare pace. Secondo ciò che ho detto, invece, è necessario andare oltre, se davvero vogliamo tentare di portare avanti un processo di pace radicale. Di fronte all'altro non basta il rispetto, perché l'altro, che lo voglia o no, che se ne accorga o no, prima o poi, in un modo o nell'altro, non potrà fare a meno di essere mio nemico, a causa del fatto che la natura è fatta così, l'universo non è capace di pace con sé stesso. Questo ci farà pensare a Hobbes, che portò avanti la concezione dell' "homo homini lupus", ma qui non si tratta di prendere in considerazione soltanto l'uomo: qui comprendiamo che anche un atomo non può fare a meno di essere in conflitto con gli atomi con cui si pone in relazione.

    La via proposta da Gesù non è una soluzione di arrivo, ma, appunto, una via; è cioè la base per mettere in discussione ogni fiducia ingenua in qualche pace naturale e avviare un cammino di un essere contro natura, che sceglie l'arretramento, la croce, la sconfitta, nel tentativo di porre in atto azioni che perseguano una pace non ingenua, non romantica.

    Di fronte a un modo di pensare del genere, il rispetto viene a risultare un atteggiamento non solo ingenuo, ma perfino distruttivo, nella misura in cui distoglie dell'accorgersi della radicale incapacità di ogni contesto naturale a costruire pace.

    La spiritualità viene ad essere questo: un lavoro per portare avanti vie di pace non ingenue, non limitate a un ingenuo rispettarci.

    Commenta

    Autore di questa discussione

    Comprimi

    Sto operando...
    X