annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

013 La spiritualità come soggetto

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • 013 La spiritualità come soggetto

    ← 012 La nostra percezione di essere io014 Contaminazione tra il bene e il male →

    La spiritualità come soggetto fa parte del nostro vissuto

    Prendere in cosiderazione la spiritualità come soggetto significa tener presente la possibilità che essa pensi a noi, piuttosto che essere soltanto noi a pensare ad essa. Questo modo di concepirla ci permette di renderci conto meglio dei limiti della nostra libertà: siamo limitati perché per molti aspetti siamo noi ad essere pensati, piuttosto che essere pensanti. Si potrebbe perfino dire che la spiritualità come soggetto pensa anche i nostri pensieri, o che essa ha creato il mondo, è l'origine del mondo, ne è l'essenza. Questo permetterebbe di spiegarci meglio le asimmetrie dell'universo, col vantaggio di non avere a che fare però con un Dio che si reclama onnipotente e buono, senza togliere il male, ma semplicemente con un essere, un oggetto, che è la costituzione dell'essere. In questo senso non risulta poi tanto lontana dal vero l'idea di noi come oggetti del sogno di qualcuno o personaggi del romanzo che qualcuno sta scrivendo, con la differenza che questo qualcuno non ha in mente progetti, né intenzioni, ma è soltanto un oggetto che va per conto proprio, inanimatamente. In mezzo a tutto questo, tutto questo male, noi proviamo a realizzare la nostra micro-soggettività, micro-spiritualità, cioè la spiritualità umana, in contrapposizione a quella universale. In questo senso potrei talvolta risultare ambiguo, nel momento in cui parlerò di spiritualità: ciò che avrò in mente potrà essere la spiritualità umana, quindi quello che nella nostra percezione dovrebbe essere il bene, oppure in altri casi invece la spiritualità universale e quindi il male: dovrà essere il contesto del discorso a rimediare a queste imprecisioni.

    Questo modo di concepire la spiritualità coinvolge non solo e non tanto l'idea che di essa ci facciamo, ma soprattutto la pratica, per esempio la meditazione, il silenzio, in cui si tenterà di coltivare perciò, in gran parte, ascolto, coscienza recettiva o, per lo meno, interazione della nostra soggettività con una macro-soggettività impersonale.






    Articoli correlati
    3 Strutture della spiritualità - II
    4 Strutture della spiritualità - III


    Riassunto del video

    La scelta di coltivare una spiritualità fa esistere in questo mondo, in contrapposizione alla pervasiva spiritualità universale, intesa come male, un dettato di contenuti e sensibilità alternativi.
    Ultima modifica di Angelo Cannata; 18 novembre 2018, 20:28.

Discussione aperta da:

Comprimi

Sto operando...
X